Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 665 pareri

ALBERTO - 16/09/2017 - 08:29:13
Buongiorno faccio il buyer per una società della Gdo e mi occupo di tutto quello che concerne il singolo prodotto in un supermercato dalla cura dell'assortimento analisi di mercato contratti quadro ( che dopo saranno validi anche per altri colleghi, facendo parte di una centrale di acquisto) con l'industria sia locale che nazionale. Vorrei sapere quele del contratto commercio, è il livello per una figura che svolge questo tipo di lavoro da circa 10 anni e gestisce circa 30mil di € con l'ausilio di una assistente. Grazie
RISPOSTA: Salve, per il lavoro che svolge e che ha indicato sicuramente il primo livello CCNL Terziario se non addirittura il quadro. Cordiali saluti.
Marica - 15/09/2017 - 14:04:44
Buongiorno. Mi è stata proposta l'assunzione come impiegata a tempo indeterminato da parte di un consorzio per lo smaltimento RAEE (rifiuti elettrici ed elettronici) secondo CCNL metalmeccanico 4° livello con superminimo di 120 euro. La prospettiva mi piace molto, ho solo un dubbio sulla questione consorzio: che cosa comporta rispetto allo stesso tipo di assunzione ma da parte di una azienda classica? Il fatto che il datore di lavoro sia un consorzio comporta una variazione in termini contributivi e di stabilità futura? Grazie
RISPOSTA: Salve, non cambia nulla sotto l'aspetto retributivo e contributivo. Quanto alla stabilità aziendale futura ci vuole la sfera di cristallo. Cordiali saluti
jessica - 15/09/2017 - 10:42:00
Buongiorno, ho un contratto a tempo indeterminato(CCNL commercio -4 livello) presso un'azienda (SRL), con 4 anni di anzianità lavorativa; per motivi legati a mio marito sono costretta a lasciare il lavoro. Ho parlato con l'azienda e con tutta la buona volontà, hanno qualche difficoltà a licenziarmi. Il fatto è che dopo 4 anni non vorrei perdere la Naspi, per questo motivo, solo assentandomi senza giustificazione, l'azienda può licenziarmi per giusta causa...in questo caso perderei ugualmente l'indennità di disoccupazione, oppure la prendo qualche riduzione o la prendo intermaente? ho Letto diversi articoli (risalenti al giugno 2017)e forum che sono tutti tra di loro contratanti. Ho provato anche a chiamare l'inps: un operatore mi ha detto che con la lettera di dimissione (a qualsiasi titolo) si prende la Naspi, mentre un altro operatore mi ha comunicato che nonostante questo, per assenza ingistificata(poichè dipende dalla mia volontà) probabilmente non la percepipirei. SOno consapevole del fatto che non è il massimo della lealtà, ma purtroppo bisogna tirare avanti. grazie anticipatamente per la risposta, cordiali saluti
RISPOSTA: Salve, la Napsi spetta anche per licenziamento disciplinare per giusta causa. Vedi INTERPELLO N. 13/2015 Prot. 37/0006916 del 24 aprile 2015 del Ministero del Lavoro. Cordiali saluti.
Elisa - 15/09/2017 - 09:07:39
Buongiorno, ho 33 anni, mi è stato proposto un contratto di lavoro intermittente a tempo determinato (D.Lgs. 15 giugno 2015, n.81, artt.13-18). Ho letto sul web, che tale tipologia di contratto è vincolata a dei limiti di età(meno di 24anni con contratto che si risolve entro il compimento dei 25 o più di 55 anni).Posso essere assunta con questa tipologia di contratto?Se non fosse possibile, avendo già lavorato 10 giorni, cosa dovrei fare?! Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione. I miei saluti.
RISPOSTA: Salve, in alcuni settori e qualifiche, esempio quelli indicati nel CCNL del turismo e alberghi, il limite di età non e previsto. Pertanto non conoscendo il suo settore e qualifica non posso risponderla. Cordiali saluti.
Virgy - 14/09/2017 - 20:43:24
Salve....sono un operaio con contratto ccnl commercio,l'azienda entro quanto deve versare lo stipendio?
RISPOSTA: Salve, la legge prevede alcune forme di tutela del lavoratore e del suo diritto a ricevere lo stipendio. Per legge il limite massimo entro cui il titolare ha l’obbligo di versare lo stipendio è il giorno 10 del mese successivo. Entro questa data il pagamento deve pervenire materialmente al lavoratore o al collaboratore, e non semplicemente essere disposto. In poche parole, entro il 10 del mese lo stipendio deve essere disponibile sul conto corrente. Cordiali saluti.
luigi - 14/09/2017 - 20:12:49
Salve io vorrei sapere se mi si rompono gli occhiali sul lavoro posso chiedere i danni all'azienda? grazie
RISPOSTA: Salve, credo proprio di no. Cordiali saluti.
Agostino Figliola - 14/09/2017 - 19:00:21
Salve,sono un lavoratore dipendente con un contratto a tempo indeterminato nell'ambito della ristorazione/turismo. L'azienda mi ha annunciato che ad ottobre mi metterà in cassa integrazione riducendomi il numero di ore lavorative.Per me non è una condizione possibile, e voglio dimettermi,vorrei sapere se queste possono essere considerate dimissioni per giusta causa. Grazie mille Distinti saluti.
RISPOSTA: Salve, non potrà rassegnare le dimissioni giusta causa per la motivazione indicata. Cordiali saluti
Deborah Barbagallo - 14/09/2017 - 09:29:51
Buongiorno, desideravo gentilmente chiedervi un'informazione. Un'azienda per licenziare un dipendente deve sostenere delle spese? Se si, a quanto ammontano suppergiu? Grazie anticipatamente
RISPOSTA: Salve, se si riferisce al Ticket licenziamento, pagherà circa 41 euro per ogni mese di assunzione con un massimo di 36 mesi. Cordiali saluti.
Pierpaolo - 13/09/2017 - 18:42:43
Salve buonasera vorrei farle una domanda se possibile riguardo ad un quesito...io lavoro presso una azienda siderurgica con il vecchio contratto a tempo indeterminato....ho deciso di dare le dimissioni sfruttando degli incentivi in denaro che l azienda sta proponendo, ed oltre gli incentivi l azienda mi fa usufruire di 24 mesi di Naspi.....chiaramente riconosco che una volta assunto in un altra azienda non posso usufruire più della naspi....ma volevo sapere...se vengo assunto da un altra azienda per esempio per 6 mesi è dopo il mio contratto non viene rinnovato...posso riusufruire della naspi? Spero sia stato chiaro...saluti Pierpaolo
RISPOSTA: Salve, alla fine del contratto a termine potrà percepire la Naspi. Cordiali saluti.
MARTINA - 13/09/2017 - 14:43:44
Buongiorno, vi scrivo per avere un’informazione. Sono stata assunta come apprendista impiegata il 06.09.2016, tipo e durata del rapporto: apprendistato professionalizzante a tempo indeterminato, 30 mesi Inquadramento: apprendista impiegata - categoria finale 4° categoria primo periodo: 2° categoria secondo periodo: 3° categoria terzo periodo: inquadramento 3° categoria e retribuzione corrispondente alla 4° categoria. Contratto applicato: CCNL METALMECCANICA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA Volevo sapere dopo quanti mesi passo da una categoria all’altra (con relativo aumento della retribuzione) in quanto ho potuto vedere due tipi di suddivisione: la prima: 10 mesi + 10 mesi + 10 mesi per gli assunti dal 01.01.2014 il cui contratto è finalizzato al conseguimento della categoria 4 o 5, i suddetti periodi saranno uguali a: 12 mesi + 10 mesi + 8 mesi Faccio parte della seconda categoria? Premetto che ad oggi (un anno da quando sono stata assunta) in busta paga sono ancora al secondo livello. Se così fosse dovrei vedere l’aumento nella prossima busta paga e quindi in quella di settembre? Rimango in attesa di una vostra gentile risposta Saluti
RISPOSTA: Salve, se parliamo di apprendistato professionalizzante fino a 10 mesi è il secondo livello dal mese 11 al 20 al terzo livello e dal 21 al 30 sempre terzo livello ma la retribuzione deve essere quella del livello di destinazione ovvero quarto livello. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)