Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 665 pareri

Matteo - 25/05/2017 - 10:33:48
Buongiorno, sono stato assunto il 03/03/2014 in un officina meccanica con mansione apprendista impiegato di magazzino. Vorrei sapere la durata massima dell'apprendistato in questione in quanto ho già superato i 2 anni e 6 mesi di apprendistato indicati nel contratto d'assunzione.
RISPOSTA: Salve, il contratto di apprendistato non ha scadenza, è un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Il datore di lavoro con comprovate giustificazioni, può recedere dal contratto alla scadenza del periodo di formazione, ovvero alla data di scadenza della formazione indicata nel contratto. Cordiali saluti.
VALENTINA - 24/05/2017 - 16:59:05
BUONGIORNO SONO UNA LAVORATRICE DIPENDETE AL 5 MESE DI GRAVIDANZA E IL MIO TITOLARE MI VUOLE LICENZIARE. E IN DIRITTO DI FARLO?IO SO CHE LA LEGGE CI TUTELA AIUTATEMI PER FAVORE
RISPOSTA: Salve, assolutamente no. Non può licenziarla fino a che il bimbo non compie 1 anno. Cordiali saluti.
Samuela - 24/05/2017 - 16:48:23
Salve Lavoro da anni presso una coop sociale e sono assunta a tempo indeterminato ma partime dal sett. 2015 Ho più volte sollecitato per avere rimborsate le trattenute sindacali indebite a fronte della mia disdetta risalente ad aprile del 2015. Il contributo sindacale mi è stato sospeso solo per i mesi immediatamente successivi o meglio da maggio ad agosto 2015 Ad oggi ho intenzione di recedere dal contratto ma vorrei poter usufruire dell'indennità di disoccupazione Come posso muovermi per far valere i miei diritti?
RISPOSTA: Salve, per il rimborso delle trattenute sindacali indebitamente detratte in busta paga, può inviare una raccomandata all'azienda richiedendo il rimborso. In caso contrario può farsi assistere da un consulente del lavoro da un legale o da un sindacato. Per percepire la Naspi in caso di recesso dal rapporto di lavoro per dimissioni deve recarsi presso l'INL territorialmente competente e presentare le dimissioni per giusta causa, se ce ne sono le condizioni. Le trattenute indebite delle quote sindacali potrebbe essere una motivazione. Cordiali saluti.
daniele - 24/05/2017 - 14:39:57
Buongiorno, sono amministratore di una Srl e allo stesso tempo socio qualificato apportatore di lavoro. Come dovrebbe essere gestita la contribuzione INPS? Doppia contribuzione come "Commerciante - autonomo" + contributi in busta paga per lavoro svolto, oppure soltanto come "Commerciante - autonomo"? Grazie
RISPOSTA: Salve, se la srl svolge attività commerciale e lei presta il suo lavoro con abitualità deve essere iscritto alla gestione commercianti. In aggiunta può percepire il compenso amministratore e versare i contributi alla gestione separata con aliquota ridotta. Sicuramente non può essere assunto come lavoratore subordinato presso la medesima srl. Cordiali saluti.
Carlo - 24/05/2017 - 14:00:50
Salve, sono un 5 livello commercio terziario, mi hanno detto che avendo il superminimo alto, sarei quasi un 4 livello, quindi vorrebbero farmi passare al 4 livello. cosa comporta? e' tutto corretto?
RISPOSTA: Salve, le conviene ridurre il superminimo che spesso è assorbìbile e passare al livello superiore, mantenendo sempre la medesima paga lorda. Cordiali saluti.
Silvia - 24/05/2017 - 11:28:39
Buongiorno, sono una ragazza di 23 anni, residente a Roma. Lo scorso anno ho lavorato per un po' di tempo presso un'associazione culturale no profit come assistente segretaria con un orario di 22h30 settimanali (su 5 giorni), pagata tramite voucher. L'associazione non ha dipendenti, solo collaboratori esterni. Ora stanno valutando tra un tirocinio di 6 mesi con Garanzia giovani ed un contratto di apprendistato professionalizzante. Io preferirei l'apprendistato, visto le maggiori garanzie e tutele che offre e visto anche che ho sentito e letto cose negative su Garanzia giovani. Nel mio caso, l'associazione può fare un contratto di apprendistato professionalizzante? Quali sarebbero per loro i vantaggi e gli svantaggi rispetto a Garanzia giovani? Inoltre, quale sarebbe la retribuzione minima (lorda e netta) che dovrebbero darmi? Grazie. (Mi sembra di aver capito che il parere online sia gratuito, se così non fosse, la prego di considerare nulla la mia richiesta. Grazie)
RISPOSTA: Salve, come indicato sul sito i pareri sono gratuiti. Quanto al suo quesito le confermo che l'associazione può assumerla con contratto di apprendistato professionalizzante. I vantaggi sono che per 3 anni + 1 se si conferma il contratto, c'è una riduzione contributiva pagando i contributi al 11,61%. Quanto agli importi che chiede bisogna sviluppare delle simulazioni di busta paga in base alle mansioni e livello, e qui non é la sede opportuna. Può chiamare la segreteria dello studio per fissare un appuntamento per i calcoli che chiede. Cordiali saluti.
Davide Fioralli - 23/05/2017 - 21:23:51
Buonasera, pagherei oro a chi mi risolve il problema (che problema non sarebbe se non fossimo in Italia): - Io sono dipendente part time, ho un figlio naturale di 6 anni che è residente con la mia ex compagna. - La mia ex compagna è libera professionista, residente con mio figlio ma non con me. Situazione molto comune. In base alle circolari 36 e 104 dell'INPS lei avrebbe diritto agli assegni sulla base della mia posizione tutelata, dichiarando come riferimento i suoi redditi. L'INPS mi ha dato l'autorizzazione, ma dice che comunque non si possono dichiarare redditi il cui 70% non sia derivato da lavoro dipendente. Ora: io sono buono e caro, ma di fronte a simili contraddizioni impazzisco. Come può una madre libera professionista avere diritto agli assegni in riferimento alla posizione tutelata del padre... ed allo stesso tempo non averne diritto perché non è lavoratrice dipendente? Rido per non piangere. Seriamente, gradirei essere contattato al 339 7212922 o all'indirizzo davide.fioralli@libero.it . GRAZIE in anticipo!
RISPOSTA: Salve, per aver diritto all'assegno familiare il reddito complessivo del nucleo familiare deve essere per il 70% reddito da lavoro dipendente. Pertanto il ragazzo di sei anni affidato alla madre nubile, non spettano gli assegni familiari in quanto il suo reddito è di lavoro autonomo. Cordiali saluti.
valentina - 23/05/2017 - 14:38:02
Buongiorno a tutti voi, ho da poco intrapreso una nuova opportunità lavorativa come procacciatore con mandato a ritenuta d'acconto è dura da più di 30gg consecutivi. Ora non mi vogliono pagare il rimborso pattuito. Come devo muovermi a riguardo?
RISPOSTA: Salve, inizi a scrivere una mail in cui chiede i suoi dritti pattuiti. Nel caso sia ignorata, può rivolgersi ad un consulente del lavoro, un avvocato, o un sindacato per far valere i suoi diritti. Cordiali saluti.
loredana - 23/05/2017 - 12:48:01
Salve, sono stata contattata ieri per iniziare uno stage retribuito di 6 mesi (con possibilità di proroga di ulteriori 6 m.) presso una azienda. Nel frattempo, però, sto anche seguendo un altro iter selettivo per altro stage in una agenzia per il lavoro molto più vicina a casa mia e quindi - per me- preferibile. Se inizio domani lo stage in azienda e tra una settimana dovessero contattarmi dalla apl vicino casa, posso lasciare? o ho dei vincoli legali particolari?
RISPOSTA: Salve, basta una comunicazione in cui si dichiara di interrompere il tirocinio per motivi personali, senza nessun obbligo di preavviso. Cordiali saluti.
andrea caselli - 23/05/2017 - 11:48:02
Buongiorno, sono titolare di un distributore di carburanti e avrei intenzione di assumere una persona che mi dia una mano saltuariamente qualche ora a settimana. finora facevo affidamento ai voucher, ma adesso non so come fare. Posso fare un contratto a chiamata per 2 mesi ad un ragazzo di 26 anni che attualmente percepisce la disoccupazione, senza che lo stesso perda il diritto alla disoccupazione stessa? Grazie Andrea Caselli
RISPOSTA: Salve, ai sensi e per gli effetti del punto 36 del Regio Decreto 2657 del 6 dicembre 1923 può assumere con contratto a chiamata. I giorni che saranno retribuiti saranno decurtati dalla Naspi. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)