Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 665 pareri

Elisa - 17/05/2017 - 18:06:42
Buonasera, vorrei sapere, nell'ambito di un contratto cococo, come verificare se il compenso che mi si vuole fornire sia realmente stabilito tenendo conto dei compensi normalmente corrisposti per prestazioni analoghe (gestione pagine social, ottimizzazione siti web). Esistono tariffari, tabelle consultabili, ccnl di settore ch'io possa scartabellare? Esiste, poi, possibilità di vedermi riconosciuti da contratto dei rimborsi se il mio committente esige lo svolgimento del lavoro in azienda, quando tratto distintivo della cococo è l'autonomia nei tempi e luoghi di lavoro? Ed, infine, essendo tale contratto cococo della durata di un anno a cavallo tra il 2017 ed il 2018, come saranno da calcolare i contributi in regime di Gestione separata? La ringrazio infinitamente. La ringrazio anticipatamente
RISPOSTA: Salve, per verificare se il suo compenso è equo può far riferimento alle mansioni del livello indicato nel CCNL di categoria, presumo terziario per l'attività che mi ha indicato. Per il lavoro svolto in azienda non le spetta alcun compenso aggiuntivo se non indicato nel contratto di collaborazione. I contributi vengono accreditati per intero se ogni mese il suo compenso lordo per l'anno in corso sia almeno pari ad euro 1.296,00 mensili. Cordiali saluti.
Alessandra - 17/05/2017 - 10:55:07
Buongiorno, ho 37 anni e sono una mamma con una figlia a carico, single. Sono disoccupata da tempo. Avrei la possibiltà di entrare in uno studio legale in qualità di "apprendista" segretaria (ho studiato per questo, ma non ho mai esercitato); l'avvocato però mi preferirebbe ad altre, se, dal punto di vista fiscale, avesse delle agevolazioni (o incentivi). Premetto che, la zona in cui abito, è considerata area depressa dal punto di vista lavorativo (Massa Carrara). Vorrei sapere, in sintesi, che benefit posso proporgli, e se ne ho. Grazie.
RISPOSTA: Salve, gli incentivi dal 2017 sono previsti per alcune regioni del centro sud, ma per le donne disoccupate in tutta Italia spetta un'agevolazioni contributiva del 50% per 18 mesi se il contratto è a tempo indeterminato. Cordiali saluti.
donato palazzo - 17/05/2017 - 09:07:55
Buongiorno, in data 28/04/2017 ho ricevuto la lettera di licenziamento dopo 28 mesi di lavoro per chiusura filiale(assunto con ctr a tempo indeterminato impiegato 6 livello commercio 40 ore settimanali tredicesima e quattordicesima il 21/01/2015) . Stipendio lordo 1359 euro+ 200 euro di rimborso spese(nette) Tot stipendio 1380 euro nette. Vorrei sapere a quanto ammonta in termini economici il mancato preavviso nel mio caso. Grazie mille e buona giornata
RISPOSTA: Salve, Le spettano 15 giorni di calendario. Non conoscendo l'articolazione del suo orario di lavoro settimanale, basta dividere la sua paga lorda 1.359 per 26 moltiplicandola per i giorni di calendario lunedì venerdì o lunedì sabato. Cordiali saluti.
Alessandro - 16/05/2017 - 15:15:20
Salve sono un dipendente Eurospin ho lavorato sia a pasquetta che il 25 aprile ma sulla busta paga trovo festività godute due e giusto? Ho dovrei aver scritto festività non goduta come anche la pasqua?
RISPOSTA: Salve, sulla busta paga dovrebbe trovare 2 festività pagate con maggiorazione avendole lavorate ed 1 festività ordinaria per la Pasqua. Cordiali saluti.
Rocco - 16/05/2017 - 00:04:03
Salve ho fatto richiesta di ferie per il periodo che va dal giorno 05/06/2017 Al giorno 09/06/2017 come segue a seguito della richiesta fatta il giorno 03/05/2017 per chiedere formalmente di usufruire delle ferie per il periodo che va dal 05/06/2017 al 09/06/2017 quindi per un totale di 5 giorni di ferie. Rimango in attesa di riscontro al più presto possibile e mi rendo disponibile a trovare una soluzione alternativa, qualora il periodo richiesto non fosse possibile per esigenza lavorativa. loro mi hanno risposto in questo modo: Buon pomeriggio, A seguito comunicazione in calce accogliamo tale richiesta e a tal proposito l’Azienda dispone il godimento a suo favore di un ulteriore periodo di ferie che va dal 12/06/2017 al 16/06/2017. Come devo comportarmi? devo accettare per forza la settimana forzata da parte dell'azienda? grazie per la risposta
RISPOSTA: Salve, le ferie forzate devono essere motivate, è comunque essere concordate con il lavoratore. Cordiali saluti.
Alessandra T. - 15/05/2017 - 19:22:12
Buonasera, vorrei sapere se è possibile per il datore di lavoro, risolvere un rapporto lavorativo nel periodo di prova, se il lavoratore sta usufruendo del congedo spettante a quest'ultimo secondo l'art. 85 Titolo XIX del CCNL studi professionali, o se bisogna aspettare che rientri a lavoro. Vi ringrazio anticipatamente per il tempo dedicatomi
RISPOSTA: Salve, premesso che durante la prova non debba essere concesso il congedo matrimoniale, le confermo che può recedere dal contratto in qualsiasi momento durante la prova. Cordiali saluti.
Dario - 15/05/2017 - 14:49:57
Salve sono il titolare di una srl con sede a roma. Ho una situazione un po particolare da gestire e vorrei chiedere un vostro parere. Vi spiego brevemente la storia: Ho una compagna (Non sposati ne conviventi) con la quale ho 2 figli (2 anni) e la mia compagna lavora con contratto a tempo indeterminato nella mia società. Vorrei poterla licenziare ma la mia consulente del lavoro dice che fino al compimento del 3 anno di età dei bambini non è possibile in quanto si rischia che il licenziamento venga impugnato dall'inps . L'unica soluzione è dare le dimissioni volontarie ma in questo caso non otterrebbe la Naspi e non mi sembra il caso. Dunque sono qui a richiedervi se è vero che l'azienda non può licenziare la ragazza e in tal caso se esistono altre alternative.Grazie per la vostra attenzione. Dario
RISPOSTA: Salve, le dimissioni devono essere convalidate presso l'INL fino al terzo anno di vita del bambino ma il licnziamento ha il vincolo del solo primo anno di vita del bambino. E comunque le dimissioni convalidate presso l'INL da comunque la possibilità di percepire la Naspi. Cordiali saluti.
Paolo - 15/05/2017 - 13:43:52
Buongiorno, nell' ambito contratto "Poligrafici ed editoria - Grafica ed editoria industria" vi chiedo se è possibile che un impiegato di livello A possa coordinarne uno di pari livello ed altri di livello più basso. Grazie Cordiali saluti
RISPOSTA: Salve, il coordinare altri lavoratori fa parte delle mansioni attribuite dal datore di lavoro. Ma se non autorizzate dal datore di lavoro nelle specifiche mansioni sarà al pari di altri lavoratori. Cordiali saluti.
elodia loretelli - 14/05/2017 - 17:23:26
Buonasera, oggi, 14 maggio mi scade un periodo di malattia che ha interrotto 3 settimane di ferie forzate decise dal mio titolare. Domani dovrei rientrare e martedì avere il turno di riposo, ma ieri ho ricevuto la telefonata dal mio titolare in cui mi diceva di stare a casa in ferie anche domani, fare il gg di riposo martedì e di rientrare quindi mercoledì. Poichè i rapporti interpersonali sono molto compromessi ed il mio titolare prima di mettermi in ferie mi aveva proposto di dare le dimissioni che mi sono rifiutata di dare, corro pericoli nel non presentarmi a lavoro domattina?
RISPOSTA: Salve, metta per iscritto che non vuole accettare le richieste imposte dal datore di lavoro, motivi per i quali si assenta dal lavoro per permesso o ferie. Poi puo procedere con le dimissioni giusta causa indicando le sue motivazioni. In tale ipotesi può anche percepire la Naspi se ne ha i requisiti. Cordiali saluti.
ORONZO SCARDIGNO - 11/05/2017 - 18:55:45
Buonasera, sono un lavoratore con contratto di apprendistato in scadenza gennaio 2018,vorrei dimettermi per nuova attivita' ma preferire ususfruire della disoccupazione, il mio lavoratore non mi licenzierebbe e io sinc alla scadenza andro via, ma ho letto che se si arriva alla scadenza del contratto di apprendistato con 30 gg di anticipo e possibile sciogliere senza oneri alla scadenza, questo permettendo al lavoratore di poter percepire la disoccupazione cosa che con le dimissioni durante l'anno non avverrebbe. mi dicevano di comunicarlo 30 gg prima semplicmente verbalmente ma per evitare inutili e stupidi tranelli dal mio titolare come il rinnovo automatico alla scadenza, come posso procedere????dare le dimissioni formali 30 gg prima della scadenza vale poi ai fini della disoccupazione o ci sono altri moduli???? attendo vostre.
RISPOSTA: Salve, il contratto di apprendistato è un rapporto di lavoro a tempo indeterminato e per poter usufruire della Naspi deve essere licenziato o può dimettersi per giusta causa se ci sono i presupposti. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)