Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 687 pareri

Russo Alessandro - 27/08/2017 - 18:13:36
Sono agente commercio lavoro per un azienda da 4 mesi , sono ancora in periodo di prova, ho dato dimissioni dalla stessa perché ho trovato nuovo lavoro con assunzione solo che il nuovo lavoro scade 1 settimana prima della fine preavviso, posso firmare? come avvisare vecchia azienda?
RISPOSTA: Salve, durante la prova può recedere senza preavviso. Cordiali saluti.
Stellina - 25/08/2017 - 17:32:58
Buongiorno, lavoro come dipendente di una ditta privata da novembre 2013 con contratto a tempo indeterminato. Il CCNL di riferimento è Commercio/Terziario. A fine anno entrerò in maternità obbligatoria. Il periodo obbligatorio, con la flessibilità, terminerebbe il 01 maggio 2018. Subito dopo l'obbligatoria avrei intenzione di richiedere un periodo di 3/4 mesi di maternità facoltativa. Al momento non me la sono sentita di anticipare l'intenzione al datore di lavoro in quanto mi è stato richiesto implicitamente se ho intenzione di lavorare anche durante il periodo di astensione obbligatoria. So che questo non è consentito per legge. Chiedo conferma in riferimento al fatto che neppure l'astensione facoltativa può essere rifiutata da parte del titolare. Chiedo inoltre se vi sono dei termini o delle modalità particolari da rispettare per avvisare il datore di lavoro della facoltativa. Grazie, saluti
RISPOSTA: Salve, per il congedo parentale deve essere autorizzata dall' Inps e successivamente lo comunicherà al datore di lavoro. Pertanto il datore non potrà opporsi. Cordiali saluti
Anna - 25/08/2017 - 14:17:36
Salve,Sono un'infermiera ed ho lavorato presso una cooperativa convenzionata con l'asl per assistenza domiciliare a pazienti critici, nel periodo da dicembre 2013-gennnaio 2015. Ho lavorato tutti i mesi, anche se per poche ore, sottoforma di collaborazione occasionale con pagamento mensile con ritenuta d'acconto del 20%. Non ho superato i 5000 euro annui (unico limite che la cooperativa mi aveva detto di non superare per poter lavorare a prestazione occasionale). Ho da poco scoperto,però, che questo tipo di lavoro prevedeva anche un altro limite: non superare 30 giorni nell'anno solare (240 ore), limite invece superato! Da qui sorgono alcune domande: 1. Come si interviene in questo caso? La formula contrattuale può passare a contratto a progetto,anche se non lavoro più per quest'ente? Era mio obbligo comunicare alla cooperativa il superamento delle ore, assegnate tra l'altro da loro mensilmente? 2. Il lavoro svolto, per un anno continuativo anche se a collaborazione occasionale, può essere considerato come una forma di precariato, assimilabile ad un contratto a progetto?
RISPOSTA: Salve, il lavoro svolto non può essere ricondotto al lavoro a progetto, al massimo al lavoro subordinato. Cordiali saluti
Valentino - 24/08/2017 - 21:02:14
Salve vorrei chiedervi ma il bonus assunzione 2017 chi puoi chiedere quali requisiti ci vogliono io dal 1 Gennaio fino al 23 luglio sono stato disoccupato poi dal 24 luglio sto lavorando in una Fabrica conserviera con contratto a tempo a termine inizio contratto 24 luglio fine contratto 15 settembre se un'altra azienda mi dovrebbe assumere potrebbe asumermi con la la legge del bonus assunzione 2017 ci rientro dentro con i requisiti o devo essere disoccupato da 6 mesi per sentito dire dicono anche chi finisce di lavorare in una azienda avrebbe i requisiti per acedere al bonus assunzione mi potrebbe spiegare per favore grz
RISPOSTA: Salve, non avendo un rapporto di lavoro a tempo indeterminato nei sei mesi precedenti l'assunzione, può essere assunto da altra ditta e beneficiare dell'incentivo BONUS SUD. Semprechè l'azienda ne abbia i requisiti. Cordiali saluti
giorgio - 24/08/2017 - 13:04:03
Salve, ho un contratto a tempo determinato fino al 30 settembre con riferimento al ccnl industrie alimentari-conserve vegetali. Per motivi familiari non posso andare piu' a lavoro e vorrei dunque dare le dimissioni. Online leggo che le dimissioni non per giusta causa non si possono dare se si e' a tempo determinato, pena risarcimento al datore di lavoro. Cosa posso fare? In cosa consiste la giusta causa? Ci tengo a precisare che da quando lavoro in questa azienda non mi e' stato fornito un armadietto personale e sono costretto a lasciare il mio zaino per terra o sotto le panche.
RISPOSTA: Salve, può rassegnare le dimissioni giusta causa anche con contratto a termine, sempreché, ce ne siano i presupposti. Cordiali saluti
Roberto Arduini - 24/08/2017 - 07:32:27
Buongiorno Vi ringrazio per l'attenzione, chiedo un precisazione: appreso che anche durante il congedo parentale spetta il tfr, quale è la base per il calcolo ? La retribuzione totale prevista dal contratto a cui il dipendente avrebbe diritto in caso di servizio ordinario oppure l'indennità percepita durante i mesi di congedo parentale? Grazie per ancora per l'attenzione. Cordiali saluti.
RISPOSTA: Salve, per il calcolo del TFR deve essere computata la retribuzione equivalente alla retribuzione cui il lavoratore avrebbe avuto diritto in caso di normale svolgimento del rapporto di lavoro. Cordiali saluti.
Claudio - 23/08/2017 - 19:27:00
Salve, ho un contratto a tempo Indeterminato, ma la mia azienda ha deciso di licenziarmi per giustificato motivo oggettivo. al 31/08/2017 Sono stato assunto il 30/12/2015 e adesso vogliono conciliare offrendomi 2500 euro LORDI di buonuscita...aldila delle mie spettanze. Loro sostengono che il 7 settembre dovrò conciliare e mi daranno un assegno di 6250 euro. è compatibile la cifra con 20 mesi di lavoro e 2478 euro lordi di TFR spettante? ho paura che mi stiano fregando...e che mi diano solo le Spettanze fingendo di avermi dato anche una buonuscita
RISPOSTA: Salve, mio malgrado non posso soddisfare il suo quesito in quanto dovrei visionare tutte le buste paga e sviluppare i conteggi. Cordiali saluti.
Roberto Arduini - 22/08/2017 - 16:52:29
Buongiorno, in riferimento al ccnl gomma plastica industria, vorrei sapere se: - durante la maternità obbligatoria (anche se anticipata) maturano tredicesima e tfr; - durante la maternità facoltativa matura il tfr; se si quale è la base di calcolo per il TFR. Evidenzio il link dove ho trovato il ccnl in questione (la maternità è regolata dall'art.54), srivo il link perchè ho visto che ci sono più ccnl gomma plastica. http://www.tabelleretributive.it/ccnl_Gomma_e_Plastica_-_Industria.html Vi ringrazio molto per l’attenzione e la disponibilità. Cordiali saluti.
RISPOSTA: Salve, durante l'astensione dal lavoro per maternità, anche anticipata, e per congedo parentale (facoltativa) spetta il TFR. Cordiali saluti.
Annamaria Bucci - 22/08/2017 - 12:01:57
RIPRENDO UN MIO QUESITO PER APPROFONDIMENTO SULLA SUA RISPOSTA. non c'è stata ancora la conciliazione per cui chiedevo se proprio in sede sindacale si potessero pretendere lì i diritti non rispettati e in che modo(cosa dimostrare) o se bisogna per forza fare la vertenza e anche qui come dimostrare. grazie. Buongiorno. Sono assunta da ottobre 2011 part time ma in realtà lavoro full time. volevo sapere se in fase di conciliazione da dimissioni (il mio datore la fa sempre) posso pretendere le differenze su retribuzione, ferie non godute e TFR proporzionato al reale lavoro full time. grazie. RISPOSTA: Salve, se ha conciliato presso l'INL o in sede sindacale non potrà più far valere i suoi diritti. In caso contrario potrà avvalersi di un legale. Cordiali saluti.
RISPOSTA: Salve, in fase di conciliazione può chiedere i suoi diritti e trattarli fino a sua soddisfazione e accordarsi per la definizione con accordo con il datore di lavoro. In caso contrario non firma nulla e adirá le vie legali. Cordiali saluti.
michele nova - 22/08/2017 - 10:11:09
Buongiorno, dopo 2 anni di lavoro part time con contributi a me versati come da prospetto inps mi hanno portato a dimettermi volontariamente. dopo un mese ho trovato un lavoro a tempo determinato per solo un mese. ora il contratto è scaduto. posso chiedere la disoccupazione che ho maturato nei due anni?
RISPOSTA: Salve, alla fine del contratto a termine spetta la Naspi. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)