Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 665 pareri

Matteo - 13/11/2017 - 14:34:49
Buongiorno vorrei un informazione ho un dipendente con contratto a tempo indeterminato con questo orario 7-12 15-18 per 5 giorni settimanali...è regolare?? Vorrei toglierli il pomeriggio del venerdì per farlo lavorare il sabato mattina per esigenze aziendali è possibile?? Cosa devo fare?? Si tratta di un magazziniere grazie in attesa di un vostra cordiale risposta Matteo Cesaretti
RISPOSTA: Salve, l'orario di lavoro è corretto non superando le 8 ore giornaliere. Può comunicare al lavoratore il nuovo orario con modifica contrattuale. Siamo a disposizione per ulteriori informazioni in merito, chiamando negli orari di ufficio. Cordiali saluti.
Luigi - 13/11/2017 - 11:32:34
Buongiorno. In merito alla richiesta di CIGO per eventi meteo, il mio consulente asserisce che la predisposizione della consultazione sindacale è a mio onere non essendo un loro compito. Vorrei capire quali sono i compiti spettanti all'azienda, con numero di dipendenti superiore a 50, e quali quelli del consulente del lavoro al fine del riconoscimento della CIGO. Grazie
RISPOSTA: Salve, non avendomi indicato il vostro settore di attività, presumo che siate un'azienda non edile ma affine all'edilizia che applica il CCNL Metalmeccanici oppure produzione calcestruzzo per cui per le domande CIGO eventi meteo necessitano le consultazioni sindacali. Di norma siamo noi consulenti che ci interessiamo di tutto ciò che riguarda la CIG compreso le consultazioni sindacali. Per qualsiasi altra delucidazione potrete contattarci negli orari di ufficio. Cordiali saluti.
Jawad - 12/11/2017 - 23:45:10
Salve, io ho attenzione di aprire una partita iva per poter lavorare con una agenzia di sicurezza “vigilanza non armata”come addetto ai servizi di controllo, volevo sapere cortesemente quale tipo di partita iva devo aprire ?se si po o no? E come si fa avviare la procedura tipo inps inail ..etc grazie mille
RISPOSTA: Salve, deve rivolgersi ad uno studio professionale di commercialista o consulente del lavoro per tutti gli adempimenti. Siamo disponibili a darle consigli in merito chiamando negli orari di ufficio. Cordiali saluti.
Giovanni - 11/11/2017 - 11:34:51
Buongiorno, ho un contratto di lavoro a tempo indeterminato full time a 40 ore settimanali. Mi è stato proposto un secondo lavoro saltuario come fattorino (consegne a domicilio)per sabato e domenica. La domanda è: posso farmi pagare con voucher e se si, questi li devo portare in detrazione 730? Grazie in anticipo per la risposta. Giovanni
RISPOSTA: Salve, può usare i voucher e non deve indicarli in dichiarazione dei redditi. Cordiali saluti.
Gennaro - 11/11/2017 - 11:31:40
Salve, ho una ditta individuale con 2 punti vendita. Per necessità e problemi finanziari negli ultimi mesi ho una persona su un punto vendita non inquadrata. La persona precedentemente inquadrata l'ho dovuta licenziare perchè non potevo permettermela e adesso ho una persona diversa non inquadrata. Mentre sull'altro punto vendita ci sono io per l'intera giornata e verso regolarmente i contributi INPS per i piccoli imprenditori. Ovviamente sto in difetto per cui se mi viene un controllo dell'ispettorato sono sanzionabile. Ho letto la normativa e mi sembra di capire che in caso di lavoratore a nero per un periodo superiore ai 60 gg è prevista una sanzione da 100 a 500 euro più una maxi sanzione che va dai 6000 a 36000 euro. La legge prevede però la diffida a regolarizzare la posizione entro un periodo di tempo di 45 gg........dando al datore la possibilità di pagare solo la sanzione purchè assuma il lavoratore pagandogli i contributi e per un periodo di tempo di almeno 3 mesi, ecc.......... La domanda è la seguente: con la diffida si può ottenere, naturalmente inquadrando il dipendente, lo sgravio della maxi sanzione? Pagando solo la sanzione che va da un minimo di 100 ad un massimo di 500. Mi sembra di capire, leggendo la normativa che ciò sia possibile a meno che non abbia sbagliato interpretazione. Inoltre, bisogna versare anche tutte le imposte e contributi del periodo precedente durante il quale il dipendente ha lavorato a nero? E poi, l'assunzione in seguito al controllo, può beneficiare di eventuali agevolazioni previste per i giovani o dalle leggi nazionali oppure si perdono tali privilegi? Grazie in anticipo.
RISPOSTA: Salve, alla luce di quanto esposto la sanzione sarà di ero 6000,00 oltre i contributi INPS INAIL e ritenute fiscali con le dovute sanzioni dalla data di assunzione dichiarata dal lavoratore e fino a 3 mesi dopo l'accesso dei verificatori. Non potrà beneficiare di alcuno sgravio contributivo. Cordiali saluti.
Jasmine - 11/11/2017 - 09:21:09
Buongiorno, Sono una ragazza di 25 anni assunta in apprendistato dal 10/10/16. Attualmente il mio capo mi paga sempre in ritardo. Ora non ho percepito la mia ultima busta paga. So che il mio datore di lavoro si trova in un momento particolarmente difficile e determinante per il progetto su cui sta lavorando. Essendo contabile dell'ufficio so che le casse della società sono vuote. Come posso muovermi? Attendo che ci sia qualche miracolosa entrata? Spero in qualche vostro suggerimento. Grazie Jasmine
RISPOSTA: Salve, se non la pagherà potrà rassegnare le dimissioni giusta causa presso la DTL e percepire anche la Naspi. cordiali saluti.
Samuele - 10/11/2017 - 13:21:12
Buongiorno, devo richiedere gli arretrati per quanto concerne gli assegni familiari dal 01/12/2014 al 30/06/2015. la situazione e' la seguente: dal 01/01/2013 al 31/07/2013 sono stato dipendente di un'azienda. dal 01/08/2014 al 11/11/2014 sono stato lavoratore autonomo e dal 01/12/2014 ho avuto un contratto di collaborazione con un'azienda fino al 30/12/2015. posso richiedere gli assegni familiari nel periodo che va dal 01/12/2014 al 30/06/2015? grazie Samuele
RISPOSTA: Salve, per aver diritto agli assegni familiari il reddito da lavoro dipendente o parasubordinato deve essere almeno il 70% del reddito complessivo. Cordiali saluti.
Claudia - 10/11/2017 - 11:56:07
Salve. Lavoro in una gelateria da 5 anni e allo scadere dell'apprendistato mi è stato fatto un contratto a tempo indeterminato. La gelateria però chiude 3 mesi l'anno e il titolare mi ha detto che mi metterà in aspettativa per quell'arco di tempo. Ovviamente questa aspettativa forzata avrà delle ripercussioni sulla mia anzianità. Vorrei capire come posso gestire la questione così da evitare questo inconveniente . Grazie
RISPOSTA: Salve, si faccia licenziare alla chiusura così almeno percepirà la Naspi per i 3 mesi di mancato lavoro. Oppure per risparmiare il ticket licenziamento si faccia assumere con contratto a termine. Cordiali saluti.
Giorgio Casarsa - 10/11/2017 - 10:54:21
Sono un uomo italiano sposato con una signora ucraina. Posso stipulare un contratto di collaborazione domestica con la figlia maggiorenne della moglie?
RISPOSTA: Salve, certamente. Cordiali saluti.
Nicu - 09/11/2017 - 21:01:31
Salve. Una una situazione un po particolare. Ho aperto una partita iva nel 2014, il mio commercialista mi ha detto che se sono anche (nel frattempo) un lavoratoore dipendente sono esente DALLE imposte / tasse INPS. Nel 2016 ho ricevuto una lettere dall'agenzia delle entrate che devo pagare INPS per il 2014 e rispettivamente 2015 ( dal 31/12/2015 non ero piu dipendente. Come posso muovermi? Di chi sarebbe la colpa? Posso fare causa al commercialista? Grazie
RISPOSTA: Salve, sotto il profilo previdenziale se era lavoratore subordinato full-time non doveva pagare i contributi alla gestione artigiani/commercianti. Per l'aspetto fiscale non conosco un'attività per la quale non si pagano tasse. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)