Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 665 pareri

Irene - 07/11/2017 - 12:05:19
Gent.mi ho lavorato per circa un anno per un'attività commerciale, retribuita tramite voucher se pur a tutti gli effetti fossi la commessa del negozio; qui il primo quesito: è vero che se si è pagati tramite voucher si può offrire un'attività lavorativa ESTERNA ma non INTERNA al negozio? Ovvero non avrei dovuto fare la commessa? A dicembre scorso cominciano a ritardare e dilazionare i pagamenti, fino a non pagarmi più del tutto ma promettendo che quanto dovuto sarebbe stato saldato non appena possibile. Chiude il negozio (ma non la società, anche se non mi è dato sapere i dettagli so che NON hanno dichiarato fallimento), passano i mesi, e io ancora aspetto i soldi. Vista la mancanza di un contratto ho in mano solo le foto dell'excel che firmavo al momento dell'ingresso in negozio, testimonianze che accertano che lavorassi quotidianamente e part time nell'attività e anche fino a sera tardi per eventi pubblici, e alcune copie dei fogli che mi consegnarono con riportate le scadenze nelle quali avrebbero rateizzato il pagamento, scadenza poi mai rispettate. Mi chiedo se ci siano le basi per fare vertenza e chiedere i soldi che mi devono (500€) e quelli che ho guadagnato lavorando intere serate in negozio o in giro per locali, sempre con la promessa di essere pagata. Sottolineo che ho sempre aspettato a rivolgermi ad un avvocato o sindacato per il timore che la spesa da affrontare fosse equivalente alla cifra che mi spetta, ma dopo lunga attesa e innumerevoli prese in giro sono determinata a chiedere quanto dovuto. Ci sono però le premesse? Grazie in anticipo per l'aiuto che vorrete darmi Irene
RISPOSTA: Salve, può rivolgersi ad un patronato con avvocato del lavoro o presentarsi alla DTL per denunciare il tutto. In entrambi i casi tutto gratuito. Cordiali saluti.
Valentina - 07/11/2017 - 10:33:05
Buongiorno io ho un contratto di lavoro subordinato (a tempo indeterminato)con una cooperativa(c e scritto anche che sono socia) dove c e scritto che devo ordinariamente lavorare 16 ore settimanali che potranno essere aumentare o diminuite secondo le esigenze dell' azienda (è un supermercato).percepisco 6.20 euro l ora ma lavoro più di 16 ore ,ne lavoro circa 36 settimanali per una retribuzione media di circa 900/1000 euro.ora sono incinta e la mia ginecologa sta valutando se farmi richiedere la maternità anticipata.cone sarebbe la mia retribuzione durante quest o periodo? E gli assegni che prendo x gli altri figli?Grazie mille x l attenzione
RISPOSTA: Salve, se il suo contratto base è 16 ore settimanali la maternità verrà calcolata in base a queste ore. Gli assegni familiari saranno erogati per i giorni lavorati nel mese. Cordiali saluti.
Serena - 06/11/2017 - 23:17:01
Buonasera, sono una ragazza di 23 anni che ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato di 15h. Sto lavorando in un'altra azienda e mi vogliono mettere da apprendista per 24h.. è possibile fare entrambi?
RISPOSTA: Salve, può tranquillamente essere assunta anche come apprendista. Cordiali saluti.
Patrizia da Palermo - 06/11/2017 - 21:08:51
Buonasera, ho un contratto part-time a 20 ore CCNL Commercio, dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 13,00.Un'altra azienda mi ha proposto un altro contratto part-time 20 ore nelle ore pomeridiane. Vorrei sapere se è possibile assumermi con l'agevolazioni contributive lavoratori over 50.Grazie
RISPOSTA: Salve, se risulta in stato di disoccupazione da oltre 12 mesi la ditta che assume può beneficiare dell'incentivo contributivo. Lavorando già 20 ore settimanali non deve aver superato gli 8.000,00 euro annuì per non aver perso l'iscrizione al centro impiego. Cordiali saluti.
Beatrice - 06/11/2017 - 15:31:32
Buongiorno, dal 10 luglio sono entrata in maternità anticipata in quanto gravidanza a rischio. La data presunta parto è il 22 Dicembre. Ho un contratto a tempo indeterminato metalmeccanico industria 5 livello. Nella busta paga mi compare solo la voce maternità Inps 80% , al contrario di una mia collega alla quale compare anche la voce integrazione azienda 20% (lei è in maternità obbligatoria stesso contratto 6 livello ). Può aiutarmi a capire? Grazie
RISPOSTA: Salve, spetta anche a lei l'integrazione azienda. Cordiali saluti.
Manuela - 06/11/2017 - 14:46:48
Buon giorno,sono stata assunta con contratto a tempo determinato il 08/10/2016, ora mi hanno appena fatto la terza proroga con decorrenza 01/11/2017 al 30/04/2018. Vorrei sapere in caso di mie dimissioni quanti giorni di preavviso dovrei dare per non perdere i miei diritti(tfr e ultimo stipendio, so che in caso di dimissioni non avrei diritto alla disoccupazione). Sul contratto non è specificato niente tranne "ai sensi dell'Art23comma1 del D.lgs.81/2015. In attesa di riscontro ringrazio anticipatamente e auguro una buona giornata.
RISPOSTA: Salve, non avendomi indicato le sue mansioni e livello non posso darle il periodo di preavviso ma, le confermo che in caso di dimissioni non percepisce la Naspi. Cordiali saluti.
gabriele - 06/11/2017 - 14:31:57
Buon giorno ho lavorato per 6 mesi ma lassunzione mi e stata fatta per solo 1 mese e mezzo. come posso fare per avere anche gli altri mesi.?
RISPOSTA: Salve, può rivolgere da un consulente del lavoro o un avvocato del lavoro che l'assisteranno per il recupero contributivo. Cordiali saluti.
Mauro - 05/11/2017 - 19:41:59
Buonasera vi contatto per il seguente quesito: Sono un lavoratore da 10 anni con contratto di commercio. Nei prossimi mesi avrò la necessità di spostarmi all'estero (per motivi di salute della mia compagna con cui convivo). Volevo sapere se oltre l'aspettativa esistono altre formule per tutelare il mio posto di lavoro, facendo leva sul problema di salute. Grazie in anticipo Cordiali saluti
RISPOSTA: Salve, purtroppo oltre l'aspettativa non retribuita non può chiedere altro. Auguri per la compagna. Cordiali saluti.
Giuseppe Mariani - 05/11/2017 - 18:44:53
Buonasera, ho un quesito per quanto riguarda una mia collaboratrice familiare e la futura pensione. Lei ha ora 69 anni, ha 12 anni di contribuzione (gestione separata) continuativa fino ad oggi più 3 anni di contributi versati da un ex datore di lavoro quando lei era dipendente nella fine anni 80. Volendo smettere di lavorare dal 2018, è possibile continuare a versare i contributi volontariamente? Per arrivare ai 20 anni di contribuzione si può tenere conto anche dei 3 anni lavorati precedentemente come dipendente? E' quindi verosimile il calcolo che a 74 anni avrebbe la pensione con 12 anni di gestione separata, 3 da dipendente e 5 volontari? Grazie di cuore,distinti saluti.... Giuseppe
RISPOSTA: Salve, é possibile versare i contributi volontariamente, ma le consiglio di recarsi presso un patronato che farà i giusti calcoli per eventuale convenienza o meno. Cordiali saluti.
Daniele - 04/11/2017 - 10:14:34
Salve, volevo sapere se aprendo una ditta individuale di palestra ove praticare sport di sollevamento pesi (riconosciuto dal C.O.N.I.), e quindi con codici ateco 93.12 oppure 93.13 a quale gestione previdenziale deve iscriversi il titolare della ditta?
RISPOSTA: Salve, alla gestione artigiani/commercianti INPS. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)