Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 665 pareri

Loris - 23/07/2017 - 03:00:24
Salve sono stata assunta con contratto indeterminato 18 ore come socio cooperativa x la gestione di un centro comunale. Poiché il comune paga sempre in ritardo anche di 3 mesi la cooperativa e' ugualmente costretta a farmi la busta paga e a versare i contributi? O lo farà quando effettivamente il comune effettuerà i pagamenti delle ore che ho svolto? Grazie
RISPOSTA: Salve, la cooperativa è obbligata ad emettere la busta paga a bonificarla e a pagare i contributi. Cordiali saluti.
Simona - 22/07/2017 - 11:17:13
Salve, sono impiegata CCNL 4° livello. Vorrei dimettermi e devo dare 15 gg di preavviso. Se mi dimetto il 31 Luglio posso andarmene il 31 Agosto se sono in ferie obbligate dal 6 al 28? Ci rientro con i giorni di calendario (dall'1 al 6 più tutti i sabati e domeniche e dal 28 al 31)? In ogni caso ho facoltà di non dare preavviso e pagare l'indennità sostitutiva? Sempre e comunque mi è lasciata questa facoltà? Saluti
RISPOSTA: Salve, può rinunciare al preavviso e corrispondere l'importo alla ditta. Cordiali saluti.
Giovanni - 21/07/2017 - 21:53:42
Buongiorno. Avrei un quesito da porre che attiene al diritto del lavoro. Attualmente lavoro presso una azienda a partecipazione pubblica. Inizialmente ho sottoscritto un contratto co.co.pro. della durata di 12 mesi. Successivamente sono stato assunto con contratto a tempo determinato per 24 mesi ed alla scadenza avrò dunque lavorato per un totale di 36 mesi. Potrei cortesemente sapere se: in caso di un ulteriore rinnovo del contratto a tempo determinato, i 12 mesi lavorati con contratto co.co.pro, possono essere fatti valere ai fini del raggiungimento dei 36 mesi previsti dal jobs act per la trasformazione del contratto a tempo indeterminato? Grazie anticipatamente.
RISPOSTA: Salve, purtroppo il contratto di lavoro parasubordinato non fa cumulo per i 36 mesi. Cordiali saluti.
Giulia - 19/07/2017 - 12:44:45
Domanda: Buongiorno, ho una domanda sul contratto a tempo determinato. Il mio ragazzo è sotto agenzia da circa 30 mesi presso la medesima azienda che gli fa contratti da 2 mesi ogni volta e al 5nto rinnovo gli chiude il contratto e gliene apre un altro. Un anno fa ha subito in operazione al ginocchio dove è stato a casa 3 mesi,2 in mutua e 1 mese a casa senza contratto. Terminato il mese senza contratto l'azienda lo ha ripreso sempre con contratto di 2 mesi. Ora sono stati assunti a tempo indeterminato dei suoi colleghi che erano lì da dopo di lui,anche se di un mese. La mia domanda è: quel mese che è rimasto a casa gli ha fatto ricominciare il periodo di 36 mesi massimi da zero oppure dovrebbe essere il prossimo in linea di assunzione ? Grazie
RISPOSTA: Salve, i 36 mesi decorrono dal primo contratto a termine. Cordiali saluti.
Marco - 18/07/2017 - 22:57:44
Buongiorno, vorrei chiedere se con un contratto del credito full time con straordinari potrei accettare anche un contratto part time in settore della sicurezza eventi sportivi per il week end e che rischi ci sono. Grazie
RISPOSTA: Salve, il secondo contratto potrà essere solo a chiamata. Cordiali saluti.
Sandy - 18/07/2017 - 17:40:14
Buonasera, una domanda sul contratto di apprendistato professionalizzante.Il mio contratto scadrà dopo il triennio il 30/09/17. Il mio CCNL d'inquadramento indica un preavviso di 30 giorni. Se il mio datore intendesse recedere dal contratto allo scadere del termine previsto quindi il 30/09/17, il preavviso va calcolato dal 31/08/17 al 30/09/17, oppure decorre dal 01/10/17 fino al 31/10/17 con quindi un mese di contratto e stipendio in più? La ringrazio in anticipo.
RISPOSTA: Salve, il preavviso decorrerà dal 1/9/17. Cordiali saluti.
Camilla - 18/07/2017 - 13:47:07
Buongiorno, sono una dipendente di un'azienda privata e attualmente sono in stato di gravidanza. La mia richiesta è la seguente, la data presunta del parto è l'8 dicembre 2017, avendo la possibilità di chiedere la "flessibilità" per la maternità obbligatoria, in che data inizierebbe il periodo di astensione? Grazie.
RISPOSTA: Salve, può chiedere la maternità obbligatoria un mese prima del parto e 4 dopo il parto. Cordiali saluti.
GIOVANNI - 18/07/2017 - 13:23:33
Salve, sono a due anni dalla pensione e sto chiedendo la neutralizzazione del periodo di retribuzione meno favorevole negli ultimi 5 anni. per fare questo dovrei interrompere entro breve il rapporto di lavoro come dipendente e continuare a lavorare per ancora due anni circa per arrivare alla pensione. Che tipo di contratto potrei realizzare con l'azienda che mi consenta di non accumulare più contributi? Esiste una possibilità del genere? In pratica lavorando ancora due anni come dipendente perderei il vantaggio della neutralizzazione. Grazie
RISPOSTA: Salve, può effettuare delle prestazioni occasionali senza superare 5000 euro annuì. Per lei sua moglie e qualche figlio. Cordiali saluti.
Andrea - 17/07/2017 - 17:59:50
Se il datore di lavoro mi lincezia per giusta causa (assenza ingiustificata sul lavoro per 3 giorni) li devo pagare 15 giorni di mancato preavviso o no?
RISPOSTA: Salve, per il licenziamento giusta causa non è previsto il preavviso. Cordiali saluti.
domenico - 17/07/2017 - 14:20:03
Buongiorno, volevo chiedere cortesemente una consulenza. Premesso che sono un direttore di un negozio con inquadramento I livello in base a quanto stabilito dal CCnl terziario, distribuzione e servizi. Sul mio contratto c’è scritto testualmente: “ qualora necessario, non potrà esimersi dal prestarla (la mia prestazione) presso altre unità operative di interesse aziendale” In base a questa clausola, il datore di lavoro può trasferirmi (anche al di fuori del mio comune e della regione di appartenenza) senza motivarlo ex art. 163 CCnl? Se può farlo senza essere obbligato a motivarlo ed il trasferimento riguardasse un luogo distante di oltre 50 km dalla mia residenza, posso dimettermi per giusta causa ed ottenere l’indennità di disoccupazione? Idem per il distaccamento? Invece, in caso di trasferta di lungo periodo sempre in un luogo distante oltre 50 km, potrei dimettermi per giusta causa ed ottenere l’indennità? Grazie mille P.s. è possibile mantenere l'anonimato?
RISPOSTA: Salve, la ditta può trasferirla per esigenze aziendali tecno produttive. Nel caso di impossibilita motivata potrà rassegnare le dimissioni giusta causa ed accedere alla Naspi. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)