Pareri on-line

Esclusivamente per Ditte e Società

Offiamo la nostra consulenza professionale in tutte le problematiche afferenti al mondo del lavoro sia che esse riguardino gli aspetti economici, contabili, previdenziali o semplicemente giuridici del rapporto di lavoro.
Inserisci i tuoi dati e il tuo quesito, saremo lieti di rispondere e chiarire ogni tuo dubbio o problematica.
Il consulente del lavoro risponde alle tue domande

Ci sono 687 pareri

Roberta - 20/03/2017 - 18:42:18
Buongiorno,vorrei sapere se lo stage comporta il rilascio delle buste paga e del cud e se sono normali le voci in quest'ultimo relative alle detrazioni per lavoro dipendente.Nelle annotazioni vi è inoltre la dicitura di dipendente con contratto a tempo determinato, ma io ho un contratto di stage. Grazie
RISPOSTA: Salve, è regolare il rilascio della busta paga e del cud per lo stagista. La dicitura di contratto a tempo determinato è giusta. Cordiali saluti.
Alessia - 20/03/2017 - 16:30:16
Salve! Avrei bisogno di un consiglio urgente Ho insieme a mio marito una impresa famigliare (bar)ma purtroppo essendo sceso il lavoro non possiamo permetterci piu' di versare i contributi (miei e di mio marito)per cui vorrei uscire io e mettermi a part time..che tipo di contratto devo fare?avevo pensato ai voucher ma ora li tolgono.. Grazie se vorrete rispondere
RISPOSTA: Salve, premesso che i voucher sono stati aboliti, purtroppo la legge vieta il rapporto di lavoro dipendente tra coniugi. Pertanto deve continuare a versare i contributi alla gestione commercianti. Cordiali saluti.
paolo siclari - 20/03/2017 - 16:02:52
Salve mi chiamo siclari paolo ho 29 anni e vorrei diventare proccaciatore d'affari occasionale,vorrei sapere come fuzione in metodo di pagamento con ritenuta d'acconto-in atesa di risposta.cordiali saluti
RISPOSTA: Salve, un’attività di lavoro autonomo, affinché possa rientrare tra quelle di tipo occasionale è necessario che rispetti alcuni limiti qualitativi legati alla prestazione svolta, che di seguito riepilogo: Mancanza di continuità e abitualità della prestazione di lavoro autonomo – La definizione di abitualità, non essendo stata chiaramente definita dal Ministero, può essere identificata come un’attività duratura nel tempo, che possa fare presumere non ad una attività sporadica, ma prolungata nel tempo. In ogni caso, occorre fare una valutazione ad hoc caso per caso; Mancanza di coordinamento della prestazione – Affinché vi sia coordinamento occorre che l’attività sia svolta all’interno dell’azienda o nell’ambito del ciclo produttivo del committente. Nell’ipotesi in cui la prestazione occasionale perda i suoi requisiti, troveranno applicazione le discipline riguardanti o il lavoro dipendente, se c’è l’elemento della coordinazione, oppure il lavoro autonomo (con partita Iva), per più prestazioni autonome abituali. Il contribuente che effettua la prestazione occasionale è tenuto a rilasciare al soggetto committente della prestazione, una ricevuta “non fiscale“, nella quale è tenuto ad indicare i seguenti elementi obbligatori: I propri dati personali; Le generalità del committente; La data e il numero progressivo d’ordine della ricevuta; Il corrispettivo lordo concordato; La ritenuta d’acconto (pari al 20% dei compenso lordo); L’importo netto che verrà corrisposto dal committente. Cordiali saluti
Mario - 19/03/2017 - 20:37:32
Salve, Devo assumere una persona in sostituzione maternità. La persona che voglio assumere non ha la stessa esperienza della persona uscente, posso inquadrarla ad un livello più basso? Mi è stato detto che posso farlo in quanto ho la facoltà di riorganizzare l'attività attribuendo ad altri dipendenti interni i compiti della persona in maternità. Chiedo se possibile delucidazioni in merito in quanto non mi è chiaro il meccanismo. In azienda ho solo due dipendenti (compresa quella in maternità) che sono inquadrate allo stesso livello e svolgono le stesse mansioni. Ci sono eventualmente altri modi per inquadrare la sostituta ad un livello basso? Altra domanda, è possibile assumerla ad orario ridotto? Grazie in anticipo per la gentile risposta
RISPOSTA: Salve, può assumerla ad un livello inferiore anche part-time e può usufruire dello sgravio contributivo e INPS ed INAIL al 50% per tutto il periodo di sostituzione maternità. Cordiali saluti.
Fara - 18/03/2017 - 16:47:24
Salve Sono mamma di un bimbo di 11 mesi. A gennaio sarei dovuta rientrare al lavoro dopo la maternità facoltativa ma ho chiesto 3 mesi di aspettativa non retribuita per cui dovrei rientrare al lavoro il giorno dopo il compimento del 1 anno del mio bimbo. Poiché nella coop sociale x cui lavoro e di cui sono socia non si vive più bene e considerando che ho un anno di stipendio arretrato mi chiedevo se al termine o poco prima della aspettativa avrei diritto alla naspi. Ho lavorato a progetto tutto il 2012 e metà del 2013. Tempo determinato da luglio 2013 a dicembre 2014. Da gennaio 2015 sono a tempo indeterminato. La ringrazio per l attenzione.
RISPOSTA: Salve, può presentare anche le dimissioni giusta causa per cui le spetta la Naspi. Cordiali saluti.
Alketa - 17/03/2017 - 18:23:51
Può il datore di lavoro dirmi di non venire a lavorare la prossima settimana a lavorare perchè non c'è lavoro e di prendermi ferie? (l'ha detto solo a me). Tra l'altro tutti gli altri dipendenti hanno sempre da fare.E' legale? é da un po che mi minacciano con le parole. cosa posso fare?
RISPOSTA: Salve, la ferie sono regolate dai CCNL di categoria, ma comunque 2 settimane di ferie devono essere godute in maniera continuativa, quasi sempre nel mese di agosto ed altre 2 negli altri mesi in accordo con il datore di lavoro. Mentre le ferie forzate devono avere una precisa giustificazione. Per l'atteggiamento nei suoi confronti da parte del datore di lavoro fa ravvisare che la sua messa in ferie forzate non ha un fondamento legittimo. Può rivolgersi ad un legale o sindacato per far valere i suoi diritti. Cordiali saluti.
andrea - 17/03/2017 - 09:47:00
ho dato dimissioi volontarie perché andro' in pensione 1/05/2017,vorrei sapere i termini per la liquidazione del TFR da parte del datore di lavoro ( ditta con meno di 15 dipendenti contratto spedizionieri)grazie in anticipo
RISPOSTA: Salve, l'art.43 del CCNL di categoria prevede che l'azienda corrisponderà al lavoratore le competenze di fine rapporto entro il periodo di paga successivo a quello di cessazione del rapporto stesso. Pertanto entro il 5 luglio 2017. Cordiali saluti.
roberto - 17/03/2017 - 08:23:48
Salve la mia società ha cambiato contratto da metalmeccanico generale a 7 livelli a metalmeccanico cisalp-anpit, mi ha equiparato il mio vecchio 6 livello con un 5 livello nel nuovo ccnl. È corretto? Grazie per una risposta.
RISPOSTA: Salve, cambiando CCNL devono assicurarLe sempre la retribuzione lorda del contratto precedente. Ovvero non può essere peggiorativo il nuovo contratto di lavoro. Cordiali saluti.
CRISTINA - 16/03/2017 - 12:57:18
Buongiorno, dopo aver dato le dimissioni volontarie on-line attraverso la procedura telematica volevo sapere se devo per forza andare al Centro per l'impiego per convalidare le dimissioni o basta la procedura online? Grazie
RISPOSTA: Salve, non deve fare nessun altro adempimento. Cordiali saluti.
Dana - 15/03/2017 - 19:52:38
Salve lavoro in una grande azienda di grande distribuzione e vorrei sapere se venissi licenziata con giusta causa potrei richiedere la naspi? E cosa dovrei fare per ottenerla ? Grazie
RISPOSTA: Salve, nel suo caso potrà accedere alla Naspi, per richiederla o si reca presso un CAF o Patronato o può farlo in autonomia sul sito Inps. Cordiali saluti.

Fotogallery

News (Visualizza tutte le news »)